Pannelli in Laterocemento

Dal 1979 Produciamo

Pannelli in Laterocemento ( modulo 80-100-120)

 

Solaio a Pannello in Laterocemento

In conformità al D.M. 14.01.2008

Produzione di Componenti Perfabbricati in c.a./ c.a.p. SERIE DICHIARATA     N. 34/10-SD

Solaio a Pannelli in Laterocemento.Il solaio prefabbricato è composto da due o più interposte in laterizio assemblate in stabilimento e progettate con l’armatura al momento positivo già inserita. Il manufatto è inoltre dotato di opportuni ganci per il sollevamento per la fase di messa in opera.

Blocchi in laterizio

Di larghezza costante ed altezza variabile ( H. cm12/16/20/24) atti a delimitare le nervature in getto, ad interasse 40/50 cm, a seconda del modulo per alleggerire il solaio.

Calcestruzzo usato in

stabilimento(Rck>35N/mm2)

Il getto di completamento del Solaio a Pannello prefabbricato e della cappa sarà eseguito con calcestruzzo di resistenza minima a 28 giorni di stagionatura non inferiore a 30N/mm2.
Le armature metalliche supplementari, da collocare, secondo gli schemi riportati negli elaborati, sugli appoggi nella parte alta delle nervature (barre al momento negativo), all’atto del getto, realizzano il collegamento strutturale.

 

 

Progetto strutturale

Conforme a quanto disposto dalle norme tecniche sulle strutture in c.a. (D.M. 09/01/96) e sucessive modifiche ed integrazioni , realizzati con Pannelli prefabbricati in laterocemento , è eseguito risolvendo gli schemi statici a trave continua o campata singola , individuabili nei campi di solaio che interessano la struttura.

Le sollecitazioni unitarie che ne risultano rispecchiano le limitazioni di legge.

Certificati

La fornitura di Pannelli in Laterocemento prefabbricati è corredata dai documenti richiesti dalla normativa vigente e più precisamente:
E su richiesta posssono essere forniti:
– certificato di origine;
– fotocopia certificati di prova sull’acciaio (acciaierie e campioni prelevati in stabilimento);
– fotocopia dei certificati di prova sul calcestruzzo, sia interni allo stabilimento, sia presso un laboratorio autorizzato;
– fotocopia dell’autorizzazione rilasciato dal Ministero LL.PP. per la produzione dei manufatti in “serie dichiarata”.

Rompitratta

Trasversalmente alla direzione dei travetti, ad interasse variabile e comunque sempre indicato sugli appositi elaborati forniti prima della posa, dovranno essere predisposte le banchine rompitratta che saranno opportunamente dimensionate rispetto ai solai.

Movimentazione e posa dei Pannelli

in Laterocemento prefabbricati

I PANNELLI dovranno essere manovrati a seconda delle procedure indicate nei disegni esecutivi ed in conformità del piano di sicurezza redatto in cantiere.

Nervature di ripartizione (corree)

Sono necessarie per luci superiori ai mt 4,5 e saranno realizzate con blocchi intermedi di cm 12 di altezza. All’interno dello spazio che rimane vuoto, al di sotto della cappa, verrà poi inserita una idonea armatura.

Getto del solaio

Prima di iniziare il getto, si bagnerà la struttura per facilitare lo scorrimento, l’assestamento e la presa del calcestruzzo nelle nervature e per evitare un rapido prosciugamento del getto.
Il getto verrà completato con calcestruzzo di resistenza indicata e secondo norme tecniche per l’esecuzione di opere in cemento armato vigenti.
Nella soletta superiore dovrà essere posta un’armatura di ripartizione.
Durante la stagione calda la struttura dovrà essere bagnata nel periodo di presa.